Presidente Aoun a Parigi (da domani)

Presidente della Repubblica in un'intervista completa alla rivista “Valeurs Actuelles” francese:

--------------------

I libanesi hanno la volontà di vivere e possono superare tutte le minacce

Dobbiamo essere in stato di prontezza per difenderci

--------------------

L’ISIS rappresenta l'opposto della civiltà umana ed i libanesi di qualsiasi appartenenza  religiosa essi siano la rifiutano.

 

I nostri soldati sono riusciti a espellere il terrorismo armato dal nostro territorio

----------------

Non penso che si possa istituire una regione cristiana indipendente in Iraq, perché ogni divisione porta all'estremismo e alla guerra

-------------------

mi oppongo all'idea di quote per le donne perché le donne rappresentano la metà della società e le quote possono limitare il loro ruolo

 

------------------

 

PrintEmail

Libano: funerali soldati uccisi da Isis

da lettera43.it

 

Libano: funerali soldati uccisi da Isis

Paese si ferma, salme restituite dopo accordo con Stato islamico

 

(ANSAmed) - BEIRUT, 8 SET - Con un giorno di lutto nazionale e funerali solenni a cui ha partecipato il presidente della Repubblica Michel Aoun, il Libano ha reso

Continue Reading

PrintEmail

Intervista esclusiva con Joumana Bousaab-Mazgi per la ODiaspora.

 

Introduzione:

 

Joumana Bousaab-Mazigi è nata a Ras Baalbeck, un villaggio di confine occupato da Daesh e da un campo di battaglia per diversi anni. È anche la sorella del tenente martire Georges Bousaab, quindi, è una testimonianza privilegiata degli ultimi avvenimenti in Libano che hanno portato alla liberazione del suo territorio occupato dalle forze terroristiche islamiche. Lei ci dà i suoi sentimenti e l’analisi in un’intervista esclusiva con ODiaspora.org.

Odiaspora: Tu sei nata a Ras Baalbeck, il villaggio dove una parte dei combattimenti ebbe luogo, qual è la circostanza che vi circonda dopo la fine della battaglia?

JBM: Dal primo giorno della battaglia, sono andata a Ras Baalback. É stato sia per l’attaccamento alla nostra terra, ma anche una necessità di essere accanto al nostro esercito. Essere in grado di aiutare le truppe sia moralmente che materialmente ci dà un enorme senso di orgoglio.
Oggi la sensazione è che la battaglia è finita, le vittime sono relativamente piccole, che in sé è una grande vittoria per l’esercito che ha dimostrato il suo valore e forza e che non teme rivali tra i migliori eserciti del mondo.
L’atmosfera nel nostro villaggio è molto commovente, ognuno è in strada per accompagnare le truppe che scendono dalla parte anteriore; Il villaggio è diventato come un alveare, orgoglioso dei soldati che sono orgogliosi della gente. L’esercito ha il morale allo zenith, è la prima volta in quattro o cinque anni che l’esercito ha riacquistato la sua dignità, onore e libertà di decisione per liberare il territorio senza alcun calcolo politico. Ci piacerebbe vedere con noi tutti i libanesi nel nostro villaggio. Ho ricevuto una dozzina di persone da Beirut ogni giorno per condividere questi momenti eccezionali.
Cominciamo a capire il vero significato del patriottismo, dell’appartenenza, dell’essere pronti per i suoi soldati e per il suo esercito. Siamo consapevoli che se la decisione di intervenire fosse stata fatta per quattro o cinque anni avremmo potuto evitare molti martiri, molta sofferenza e lacrime.

Odiaspora: La felicità della vittoria è contaminata dal martirio dei soldati che sono stati rapiti da Daesh. Lei è la sorella di un eroe dell’esercito martirizzato ad Abra ed il ritardo nel prendere decisioni coraggiose al momento giusto rende il prezzo della vittoria più pesante. Qual è la tua impressione a questo livello?

JBM: Oggi è una grande giornata per noi, ma con una sensazione di enorme tristezza a causa della notizia dell’assassinio dei soldati rapiti. Se la decisione politica fosse stata fatta tre anni fa, questi soldati sarebbero stati qui oggi.
Il prezzo della vittoria è sempre caro, il tributo di questa liberazione è stato pagato col sangue dei soldati, ma i confini dei paesi sono sempre protetti dal sangue dei martiri. C’è una forte sensazione di vittoria contaminata dalla notizia del martirio dei soldati rapiti. Sentiamo il desiderio di celebrare, ma non siamo in grado di farlo a causa di questa notizia.
I politici alcuni anni fa hanno commesso un’enorme errore permettendo il ritiro dei terroristi da Ersal senza liberare i soldati che avevano rapito. In quel momento c’era una compiacenza, una falsa politica che gestiva il paese e che portò al martirio dei soldati; gli interventi politici in seguito alla famosa “mediazione” dei cosiddetti studiosi (Ulama) musulmani permesso ai terroristi di ritirarsi dalla città mantenendo con loro Soldati rapiti.

ODiaspora: Cosa dobbiamo fare per evitare questo tipo di situazione e quindi queste tragedie?

JBM: Per evitare questi errori devono vietare l’interferenza politica nella azione militare perché l’esercito è in grado di proteggere il paese, decidere quando e dove deve intervenire, perché è in grado di assumersi le proprie responsabilità, a proteggere affrontare e onorare i suoi martiri.

ODiaspora: Senti le differenze reali con la presidenza del generale Michel Aoun?
JBM: In certi momenti, anche il martire non aveva valore. Attualmente, con la nuova presidenza il martirio è onorato, valutato il soldato e il suo sostegno morale, la cosa più importante è che abbiamo un presidente che faceva parte dell’esercito, che lo può proteggere e che gli ha ripristinato la sua dignità e il suo onore.
Siamo in grado di riconoscere solo il ruolo importante svolto dal comandante dell’esercito libanese, il generale Joseph Aoun, che è stato in grado di prendere la decisione coraggiosa, che ha promesso di liberare la terra e trovare una soluzione al dramma dei soldati rapiti ed ha rispettato la sua promessa. Abbiamo davvero bisogno di un comandante come lui con tutte queste qualità.
Ma senza la presenza del Capo delle forze armate  il Presidente Michel Aoun, non avremmo mai potuto vivere quei momenti speciali e non avremmo mai potuto liberare questi territori presi dai terroristi.

PrintEmail

La Battaglia del Jurd

L'esercito libanese ha lanciato questa mattina presto la battaglia "l'alba del Jurd" per liberare le ultime sacche ancora occupate da Daesh.

Il presidente Michel Aoun ha visitato il Ministero della Difesa per supervisionare sulla battaglia con il comandante dell'esercito generale Joseph Aoun e lo Stato Maggiore.

Il Presidente Aoun ha chiamato i comandanti delle operazioni sul campo per incoraggiarli dicendo loro “Attendiamo la Vittoria”.

PrintEmail

More Articles ...