Grande Beirut. Le tue ferite, le tue lacerazioni si odono lontane. I tuoi grattacieli parlano un'altra lingua, quella della modernità.Le tue strade sempre trafficate con i clacson che fanno un concerto in coro, i tuoi vigili urbani che sembrano piuttosto delle statuine. Tutto ciò porta ad immaginare che tu sei viva.